giovedì 2 dicembre 2010

MISTERO AL CASTELLO

Deanna Raybourn
I Grandi Romanzi Storici Special n135/  ottobre 2010
Harmony Historical





TRAMA:


Scozia - Transilvania, 1858
Per Theodora Lestrange, che sogna di diventare una scrittrice di successo, la prospettiva di sposarsi e mettere su famiglia è un incubo. Così, quando una cara amica la invita a raggiungerla in Transilvania per le sue nozze, la giovane non esita a lasciarsi alle spalle Edimburgo e un pretendente che non ama, sperando di trovare ispirazione per il suo nuovo romanzo nelle cupe leggende che ancora permeano quei luoghi. Le sue aspettative non vengono deluse: nel castello dei Dragulescu, di cui è ospite, si respira aria di mistero e il padrone di casa è un personaggio a dir poco enigmatico, che risveglia la sua immaginazione e accende in lei una passione incontenibile. Poi una serie di tragici eventi getta una luce ancor più sinistra sul castello, e Theodora si rende conto che diventare preda del desiderio non è l'unico rischio che corre, né il più pericoloso.
Un thriller storico romantico e misterioso, con suggestive atmosfere gotiche, che mantiene alta la tensione fino all'ultima pagina.

MIO VOTO: 5 stelle

MIA RECENSIONE :

Un libro su cui ci tengo molto a dire la mia è Mistero al castello.
 Mi ha colpita moltissimo e posso affermare che è uno dei libri migliori che abbia mai letto.

Comincio con alcune precisazioni doverose.

Non e’ un paranormale.
Molte possono essere state ingannate da alcuni elementi della trama e dall’ambientazione: in realtà è un libro gotico, di mistero, cupo e ricco di elementi di superstizione popolare, ma che fornisce  spiegazioni razionali ad eventi che possono sembrare Sovrannaturali.

Non è un romance,
 ma un libro scritto in prima persona che parla delle emozioni della protagonista, dal suo punto di vista, tra cui anche l’attrazione per il conte. L’amore è un elemento importante, ma non è il baricentro della storia.

Proprio la scelta della prima persona mi è sembrata originale ed azzeccata.
 La nostra protagonista è una persona razionale, cresciuta dal nonno scienziato e studioso, non può che tentare di dare spiegazioni razionali ad ogni evento; da persona vivace intellettualmente,  non può fare a meno di scavare e tentare di scoprire, riflettere e dedurre. Mi assomiglia un po’ e non ho potuto non immedesimarmi in lei.

Si ritrova in un ambiente fuori dal suo mondo, la Romania, terra di conquista per gli austriaci, quindi occidentale, ma ai confini dell’impero, dove permane una sorta di anacronistico medioevo e il signore del luogo è il padrone assoluto, ha diritti sul popolo dati da un potere quasi feudale. In questi luoghi antichi, permangono superstizioni, che viste dall’esterno sono ridicole e decisamente pittoresche, ma vissute lì, sono spaventosamente reali. Parliamo di uomini lupo, non morti, vivi contaminati dai non morti, insomma: vampiri e licantropi.
La protagonista si ritrova a fare i conti con questa realtà parallela.Il fatto di avere questa narrazione in prima persona, mi porta a vedere ciò che lei vede, i suoi occhi sono i miei, i suoi ragionamenti, ma anche le sua paure e i suoi timori sono entrati profondamente in me
Mi sono ritrovata a combattere con lei contro questa folle irrazionalità, a cercare invano di spiegare cose improbabili, mentre ogni punto di riferimento si sgretola ed ogni persona  sembra diversa e poco affidabile, rendendo la situazione incomprensibile, ambigua e torbida: mi son sentita sempre più disorientata e, a tratti, scoraggiata e tentata dalla fuga.
Non dico troppo per non svelare gli “arcani” anzitempo, ma ogni personaggio non è quello che sembra.

La storia si colloca in un ambiente magico, delineato  in modo magistrale:
è un  ambiente cupo, angosciante, misterioso, ma meraviglioso e incontaminato.
Il ritmo è lento, volutamente, sincronizzato con quello  del castello, ma mai noioso, anzi è denso di avvenimenti, ragionamenti, deduzioni e colpi di scena che cambiano continuamente le carte in tavola.

E poi c’è la componente sentimentale.
 Non ci deve aspettare un’analisi accurata dell’innamoramento ed un susseguirsi di scene amorose e passionali più o meno ben riuscite, anzi!!!
La narrazione in prima persona rende chiarissime le sensazioni di lei, tanto che sembra di rivivere i  propri turbamenti amorosi, ma è univoca e unilaterale:  non si capisce mai quali siano i sentimenti delle altre persone, si scopre tutto pian piano insieme alla protagonista, ma riuscendo a comprendere sempre e solo ciò che lei capisce.
E vediamo quindi un’amica fragile e premurosa ***SPOILER***ma solo in apparenza,infatti  se ne scoprirà, a sorpresa,  l’ambiguità e la fragilità mentale***,  una donna anziana debole e malata ***anche qui solo in apparenza: in realtà è una persona avida, manovratrice e di un grado di pazzia talmente profondo, da essere assolutamente lucida nei propri calcoli perversi*** e  una serie di altri personaggi che giocano un ruoli alquanto ambigui.

Naturalmente il personaggio su cui vorrei focalizzarmi di più è Andrei, il padrone incontrastato di questi luoghi e il principe dell’ambiguità: intelligentissimo, ammiccante , sfuggente, libertino e un po’ “bohemienne” (azzeccato il riferimento alla sua amicizia con Baudelaire) affascinante, magnetico, irresistibile, frutto di un interessante mix di educazione occidentale, in un mondo antico e diverso, arcaico e medioevale. Ma soprattutto è stato cresciuto in una famiglia governata  da odio, avidità e malvagità ed è fermamente deciso a prendere con forza le distanze da tutto ciò, senza, però, ferire la madre.

Fin da subito l’attrazione tra i due è fortissima:

    “Era bello, […],  ma nella maniera in cui sono belli i cavalli o i leoni.
 […], ma furono i suoi occhi che trovai realmente ipnotici. Non ne avevo mai visti prima di quel colore, né in natura, né in arte. Erano grigio argento, ma di una sfumatura cupa, […]. Tuttavia questi eccellenti attributi non erano niente rispetto all’espressione di interesse e di approvazione che mostrava. Senza di quella era un qualsiasi attraente gentiluomo.Con essa, era incomparabile. Sentii che avrei potuto restare a fissarlo per un migliaio di anni, fintantoché lui mi avesse guardata con quegli occhi impenetrabili, e fu solo quando Cosmina parlò, che tornai in me”

L’autrice è riuscita a creare una tensione tra i due magica, il sentimento è magnetico, irresistibile, le loro anime si toccano, si sfuggono, si attirano e si respingono, giocando e legandosi sempre più profondamente ed inesorabilmente. Ed è meraviglioso sentire con Lei il sentimento che sboccia incontrollato, violento, incontrollabile, insomma realistico e del tutto incontenibile. L’ho sentito anch’io ed è stato come se m’innamorassi di nuovo un po’ con lei, e lui entrasse anche a far parte un po’ di me.
 Le scene di sesso sono quasi inesistenti, cosa alquanto rara di questi tempi, me quanta sensualità scaturisce da queste pagine…ed il finale , anche in questo lascia con il fiato sospeso fino all’ultimo.

Insomma un libro con cui ho avuto un’empatia del tutto particolare, scritto magistralmente, in modo elegante e fluido, curato stilisticamente e  storicamente, ricco in trama, particolari ed ambientazione, che consiglio a tutte quelle che cercano una lettura non povera e diversa, gotica, misteriosa, sensuale e languida, da leggere con tranquillità e concentrazione, ideale per le lunghe serate invernali.






.











venerdì 19 novembre 2010

LA STIRPE DI MEZZANOTTE – serie e trame

"LA STIRPE DI MEZZANOTTE " e' cosi composta:

1.IL BACIO DI MEZZANOTTE (A Kiss of Midnight)
2.IL BACIO CREMISI (Kiss of Crimson)
3.
IL BACIO PERDUTO (Midnight Awakening)
4. IL BACIO DEL RISVEGLIO (Midnight Rising) 

5. IL BACIO ETERNO (Veil of Midnight )(inedito in Italia -previsto il 01/09/2011)
6. Ashes of Midnight (inedito in Italia)
7. Shades of Midnight (inedito in Italia)
8. Taken by Midnight (2010)

9. Deeper than Midnight

SITO UFFICIALE ITALIANO qui

IL BACIO DI MEZZANOTTE:

Trama:

Gabrielle Maxwell è una ragazza come tante finchè una notte, fuori da un locale, è testimone di una battaglia tra vampiri guerrieri e vampiri selvaggi.
Lucan Thorne è un vampiro guerriero. Ciò significa che dedica la sua vita ha distruggere i vampiri selvaggi, proteggendo così gli umani e il resto della sua specie. Sa che non può cedere al fascino di Gabrielle e farne la sua compagna, perchè farlo la farebbe entrare in un mondo troppo pericoloso per un'umana...ma non avrà scelta...
Era sbagliato dare la caccia alla donna. Lucan ne era consapevole mentre, sui gradini dell'appartamento di Gabrielle Maxwell, le mostrava un distintivo da detective e un documento di identità. Non era realmente il suo: una manipolazione ipnotica aveva fatto credere alla mente di Gabrielle che lui era quello che dichiarava di essere. Un semplice trucco che lui si era abbassato a usare di rado. Tuttavia era di nuovo allo stesso punto, appena dopo mezzanotte, e metteva ulteriormente alla prova il suo già esile codice d'onore provando il chiavistello sulla porta principale. Lo trovò aperto. Sapeva che lo sarebbe stato: le aveva dato lui quel suggerimento, quando le aveva mostrato cosa gli sarebbe piaciuto fare con lei e aveva letto la risposta sorpresa ma ricettiva nei suoi teneri occhi castani. Avrebbe potuto prenderla allora. Lei lo avrebbe ospitato volentieri, ne era certo, e conoscere l'intenso piacere che avrebbero condiviso aveva quasi rappresentato la sua disfatta. Ma il primo dovere di Lucan era verso la sua Stirpe e i guerrieri che lottavano contro i Ribelli. Quella notte voleva solo un assaggio sufficiente a soddisfare la sua curiosità. Era tutto ciò che si sarebbe concesso.


Mia recensione qui


IL BACIO CREMISI


Trama:

Una sera, si presenta alla porta di Tess Culver uno sconosciuto, un uomo molto alto, vestito di nero, ferito da colpi di arma da fuoco. Sta perdendo molto sangue, e la donna tenta in ogni modo di salvarlo. Non sa che colui che le si è presentato con il nome di Dante in realtà è un guerriero vampiro, impegnato in una battaglia disperata, finché in un momento di intimità durante il quale tra i due si accende una passione irrefrenabile, Tess viene catapultata nel suo mondo, un luogo in perenne mutamento, fatto di ombre, dove bande di vampiri infestano la notte e seminano ovunque il terrore. Spaventato dalle visioni del terribile futuro che potrebbe attenderlo, Dante vive e combatte come se non avesse un domani davanti a sé. E Tess non è che un imprevisto del quale non aveva bisogno, anche se, quando anche i suoi fratelli si ritrovano sotto attacco, sarà costretto a proteggerla dalla stessa minaccia che incombe su di lui. Perché grazie a un solo bacio, avventato quanto irresistibile, lei è diventata parte del suo mondo sotterraneo... e lui, con il suo tocco, è capace di risvegliare nella donna capacità, desideri e brame che lei stessa non aveva idea di possedere. Legati dal sangue, Dante e Tess dovranno unire le loro forze per contrastare nemici mortali, anche quando scopriranno una passione che trascende i limiti della vita stessa.



IL BACIO PERDUTO

Trama:

La bellissima Elise Chase si aggira senza tregua per le strade di Boston. Armata di un'antica daga e spinta da un violento desiderio di vendetta, sa ciò che vuole e non si fermerà finchè non lo avrà ottenuto. Dà la caccia a colo che le hanno strappato l'amore più grande della sua vita: il figlio. Finora ha utilizzato incredibili poteri psichici, ma adesso è giunto il momento di imparare a controllarli, perchè la stanno lentamente uccidendo. La sua ultima speranza è rappresentata dall'incontro con l'affascinante e tenebroso Tegan il vampiro...
Presto fra i due nascerà un'insolita alleanza, un legame che andrà ben oltre il mero interesse personale, e che esploderà in un'orda incontenibile di desiderio. Perchè persino un cuore di ghiaccio, che per secoli ha resistito a qualunque tentazione, può vacillare di fronte alla passione.

Mia recensione:qui


IL BACIO DEL RISVEGLIO




Trama:


Dylan Alexander, giornalista di New York, nasconde un segreto: possiede l’insolita capacità di vedere i morti, anche se non ne incontra uno da quando aveva dodici anni. Durante un viaggio in Europa, nel corso di un’escursione sulle montagne della Boemia, il fantasma di una donna la guida verso una grotta nascosta. All’interno Dylan si imbatte in quella che sembra una sorta di camera sepolcrale... ma la caverna non è vuota. Rio, un vampiro della Stirpe, si trova lì dentro, ferito, indebolito dall’assenza di sangue e in preda al dolore e alla rabbia. In quella grotta trova dimora un male antico e il rischio che la donna riveli quello che ha visto è troppo grande. Rio dovrà rintracciarla prima che possa parlarne con qualcuno o mostrare le foto che ha scattato... ma ancora non sa che Dylan è una Compagna della Stirpe e che le loro vite stanno per intrecciarsi in modo indissolubile. In un mondo fatto d’ombre, oscurità e violenza, il desiderio può diventare un’arma mortale.

IL BACIO SVELATO


Trama :
Guerriera invincibile, Renata non ha rivali nemmeno fra gli avversari del sesso opposto, vampiri o umani che siano. La sua arma più micidiale è una straordinaria forza psichica, un dono rarissimo e altrettanto mortale. Ma ora un misterioso estraneo minaccia l’indipendenza che ha conquistato con tanta fatica. Si tratta di Nikolai, un vampiro bello oltre ogni immaginazione che la trascina nel regno della notte e della passione più incontrollabile. I due uniscono le loro forze e si ritrovano a fare i conti con un sentimento che potrebbe salvarli o trascinarli per sempre tra le ombre eterne.
Azione, intrighi e sentimenti sempre al limite, per un’autrice che ha conquistato la scena nazionale e internazionale, ormai una sicurezza per i lettori che aspettano con ansia ogni sua uscita.

IL BACIO ETERNO - in uscita il 01/09/2011


Trama:

Quando cala la notte, Claire Roth è costretta a fuggire... Una minaccia che sembra provenire dall'inferno stesso la spinge lontano da casa. Poi, dal fuoco e dalla cenere sorge un guerriero vampiro. Si tratta di Andreas Reichen, suo antico amante e ora un estraneo consumato dalla vendetta. Colta tra le fiamme, Claire non ha scampo: la furia di lui è implacabile, così come il richiamo che la spinge ad addentrarsi in un mondo di oscurità eterna e di piacere infinito. Nulla placherà l'ira di Andreas: è determinato ad annientare il vampiro che ha ucciso un compagno della Stirpe. È disposto a tutto, persino a usare la sua ex amante come pedina nella sua missione mortale. Profondamente attratta dal suo insidioso nemico, Claire conduce Andreas dal suo avversario, ma il loro è un viaggio disseminato di pericoli e di seduzione... Perché Claire è l'unica donna che Andreas dovrebbe tenere lontana, e l'unica che abbia mai voluto fare sua.
Ha inizio un'avventura piena di insidie, dove il confine fra la vittima e il carnefice è sfocato, dove le fiamme di una passione infinita potrebbero risucchiare tutto ciò che si trova sul loro cammino...

Una donna assetata di sangue, un uomo spinto dalla vendetta...
Un luogo dove l'oscurità e il desiderio si incontrano...




PROSSIMAMENTE
SHADES OF MIDNIGHT
Trama:

In una fredda landa selvaggia, immersa nell'oscurità, il confine tra bene e male, fra gli amanti e i nemici, è labile...
Qualcosa di non umano sta dilagando nella gelida natura dell'Alaska, lasciando indicibili carneficine sul suo cammino. Per il pilota Alexandra Maguire gli omicidi richiamano ricordi di un evento terrificante di cui fu testimone da bambina ed evocano in lei un inesplicabile senso di diversità, che percepisce da tempo ma che non ha mai pienamente compreso… Finché un oscuro e seducente straniero con molti segreti entra nel suo mondo. Mandato da Boston con la missione di indagare sui selvaggi attacchi e fermare il killer, il vampiro Kade ha le sue ragioni per tornare nel gelido e proibito luogo della sua nascita. Perseguitato da una vergogna segreta, Kade scopre subito la sconvolgente verità sulla minaccia che sta fronteggiando – una minaccia che metterà a rischio il fragile legame che ha stretto con la giovane, coraggiosa e determinata donna che ha riacceso le sue più profonde passioni e la sua fame primordiale. Ma per portare Alex nel suo mondo di sangue e oscurità, Kade deve confrontarsi sia con i suoi demoni personali sia con l'entità maligna che potrebbe distruggere tutto ciò che gli è caro...

TAKEN BY MIDNIGHT

Trama:

Dove si incrociano morte e desiderio, una donna assapora un piacere a cui nessun mortale dovrebbe sopravvivere...
Nella gelida e selvaggia Alaska, l'ex poliziotto Jenna Darrow sopravvive ad una indicibile violenza sul suo corpo e sulla sua anima. Ma dopo essersela cavata per miracolo arriva una sfida ancora più grande. Perché strani cambiamenti stanno avendo luogo in lei, mentre fatica a capire – e a controllare – una nuova fame. Per fare questo, deve trovare un riparo nel rifugio dell'Ordine a Boston. Forse il più misterioso di tutti loro è Brock, un minaccioso maschio dominante dagli occhi scuri, le cui mani hanno il potere di confortare, guarire ed... eccitare. Mentre si rifugia sotto l'ala protettiva di Brock, Jenna si ritrova invischiata in una missione dell'Ordine: fermare uno spietato nemico e la sua armata di assassini, e impedirgli di gettare la Terra in un regno di terrore. Tuttavia, nonostante la loro determinazione, un'attrazione incontrollabile unisce Brock e Jenna, arsi da un desiderio più intenso che mai e più forte della morte stessa – finché un segreto dal passato di Brock e le fragilità di Jenna sfidano il loro amore proibito all'ultima prova del fuoco.


DEEPER THAN MIDNIGHT

Trama:


Una donna che proviene dal regno delle tenebre si ritrova immersa in una passione che è più profonda del buio di mezzanotte...
A diciotto anni, Corinne Bishop era una bellissima, focosa ragazza, circondata dagli agi della sua famiglia adottiva. Il suo mondo è cambiato in un momento quando è stata rapita e tenuta prigioniera dal malvagio vampiro Dragos. Dopo anni di prigionia e tormenti, Corinne è tratta in salvo dall'Ordine, un gruppo di vampiri guerrieri coinvolti in una guerra contro Drago e i suoi seguaci. Privata della sua innocenza, Corinne ha perso un pezzo del suo cuore – l'unica cosa che le dava speranza durante la prigionia- e ora l'unica cosa che le importa è essere libera. Come guardia del corpo nel suo viaggio per tornare a casa, Corinne ha un formidabile vampiro dagli occhi d'oro chiamato Hunter. Un tempo il più letale degli assassini di Drago, ora Hunter lavora per l'Ordine e si è ripromesso di far pagare a Dragos i suoi molteplici peccati. Unito a Corinne da un desiderio potente e incontenibile, Hunter dovrà decidere fin dove spingersi per mettere fine al regno di Dragos – anche se portare a termine la sua missione vuol dire distruggere il tenero cuore di Corinne.
         


giovedì 18 novembre 2010

LE OMBRE  DELLA NOTTE

Di Lydia Joyce
I ROMANZI MONDADORI N 924 del 11/09/2010


TRAMA:
L’amore ha sempre un lato oscuro
Fern Ashcroft si è appena sposata e già si chiede se quel matrimonio non sia stato il più grande errore della sua vita. Perché se il marito, Colin Radcliffe, sostiene di credere in quell’unione, sembra anche non voler svelare alcuni suoi segreti. Quando poi decide di interrompere la luna di miele a Brighton per portare la moglie nella sua tenuta nel Wrexmere, Fern sospetta che ci sia qualcosa di più di un desiderio di rustica intimità. Ad allarmarla, però, non è tanto la situazione disastrosa in cui versa la proprietà, quanto certi misteri che possono minacciare la loro felicità. E anche le loro vite…
Note:
LE OMBRE DELLA NOTTE ( Shadows of the Night ) è il quinto romanzo della serie “Night”, così chiamata per via della parola che accomuna i titoli originali dei libri che la compongono.
Di questa stessa serie sono stati già pubblicati IL VELO DELLA NOTTE ( The Veil of Night ), LA MUSICA DELLA NOTTE ( The Music of the Night ), IL SUSSURRO DELLA NOTTE ( Whispers of the Night ) e LE VOCI DELLA NOTTE ( Voices of the Night ) – nr. 871, nr. 885, nr. 902 e nr. 911 rispettivamente della collana I Romanzi.
Ambientazione:
Inghilterra, 1865 ( epoca vittoriana )



MIO VOTO: 5 stelle

MIA RECENSIONE :

Che bel libro!
E’ scritto benissimo, non annoia e, con la sfumatura giallo-noir di cui è tinto, è appassionante e attira alla prosecuzione.
 Inoltre è caldo ed appassionato ed originalissimo.

Parte in modo un po’ diverso dagli altri della serie, l’ambiente è luminoso, caldo, soleggiato. Tuttavia, i sentimenti e i comportamenti torbidi dei protagonisti, rendono il tutto opprimente e  claustrofobico.

Già nelle prime pagine, comunque assistiamo ad un cambiamento d’ambiente che riporterà questo libro sul tenore dei precedenti: ci ritroviamo in una brughiera  nebbiosa e afosa. Il castello dove vengono “catapultati” i protagonisti è un capolavoro del gotico: un rudere medioevale umido e cadente (nel vero senso della parola, visto che la notte in cui arrivano,  il tetto crolla quasi sulle loro teste…), teatro di torture, delitti, cattiverie, malvagità angherie e prepotenze, che si sono insinuate nella costruzione, sono penetrate tra le fredde pietre dei muri, impregnando l’ambiente di negatività e rafforzando paurosamente il mistero che vi aleggia.
Creato magnificamente, la lettrice respira l’aria opprimente, umida e afosa, ma, soprattutto, spaventosa, del luogo in cui si trovano i protagonisti, dibattendosi con loro nell’intricato mistero che li circonda, fronteggiando gli “attacchi” degli strani e minacciosi custodi del sinistro maniero, decifrando, con gli indizi raccolti man mano, il mistero delle “carte” , anelando con loro il  liberatorio ritorno a Londra, e, fremendo insieme a loro per la portata delle sensazioni che li investe.


I personaggi creati dalla magica penna di quest’autrice superba, sono due prodotti del loro tempo, che si uniscono nel classico matrimonio “fruttuoso”: aristocratici gretti, limitati, chiusi nella loro gabbia dorata, inconsapevoli di esserlo.

Lui, erede di un visconte, educato fin da piccolo ad essere in futuro un Pari del Regno degno di questo nome, ha sempre studiato e si è sempre impegnato per assumersi appieno le proprie responsabilità, agendo come ci si aspetta da un uomo del suo rango, scegliendo a tempo debito una “sposa adatta”, educata, garbata, ricca  e “all’altezza” del ruolo di viscontessa. Tutta questa “routine”, però, ha reso quest’uomo un automa, non cinico, né perverso, semplicemente incapace di provare qualsiasi tipo si sentimento: una persona che vive passivamente la sua vita.

Lei , una ragazza dall’indole ribelle, che si sente spesso diversa dalla amiche e compagne, ha soffocato la sua intelligenza ed indipendenza perché così doveva essere, per poter sposare un uomo di rango elevato ed essere all’altezza di ricoprire il ruolo di consorte.
Ho trovato significativo il paragone che la madre le porta come esempio di moglie virtuosa: una debole rosa rampicante che ha bisogno di un forte e potente sostegno per crescere, svilupparsi e poter mostrare i propri fiori al mondo… naturalmente, ciò a cui la “donna parassita” dovrebbe “avvinghiarsi” è il consorte… più sarà virtuosa , più “acchiapperà” un sostegno potente che la porterà in alto…
Lei quindi è consapevole ogni istante che deve compiacere in tutto e per tutto il marito, perché il suo dovere è renderlo felice per poterlo essere lei stessa. Ma non le sta bene!
Dopo una deludente prima notte di nozze, si sente il giocattolino sessuale del marito: nessuno le ha mai spiegato niente e il suo primo rapporto è un trauma. Finalmente una ragazza vergine e timorosa che si comporta in modo coerente al suo stato… ero stanca di vergini debuttanti timide, riservate ed  inesperte, che dopo un solo, unico, primo assaggio dell’amore carnale si trasformano in regine del sesso!

L’ originalità della trama, è data dall’evolversi del loro rapporto.
Lei si ribella, non vuole solo essere un bel oggetto nelle mani di un marito insensibile,  e lo fronteggia a testa alta, pronta a sfoderare le unghie e i denti.
Lui, che non si aspetta una tale reazione, dapprima la combatte e tenta di dominarla,  poi scopre lati di lui inaspettati, che sgretolano la maschera che, inconsapevolmente indossa,  si “sottomette”, e  vede risvegliarsi in lui sentimenti e sensazioni che neppure sapeva di possedere.
 Ed attraverso uno strano rapporto ribaltato di dominio-sottomissione, che quasi sfiora il sado-masochistico, assolutamente inedito per me in questo tipo di libri e in questa collana, la loro si fa una storia rovente, appassionata, sensuale, ma anche profonda, appagante, per entrambi.

Insieme dovranno capire come condurre il loro rapporto, che va approfondendosi e si tinge di sfumature sconosciute per entrambi, dovendo , nel contempo, risolvere l’annosa questione della gestione della dimora avita della casata di lui, sua personale competenza dal compimento della maggiore età.

Gestiranno entrambe le questioni con coraggio, passione e cuore, conquistandomi sempre di più, di pagina in pagina.

 Unico neo è il finale, che tronca un po’ la storia, mentre avrei preferito vedere le conseguenze della loro decisione riguardo una questione (che non svelerò neanche sotto tortura) e come la loro storia avrebbe retto alle “luci “ di Londra.

In conclusione, questo libro è torbido e gotico, ma il più scorrevole della serie, è ricco di ritmo e mistero, è sensuale, appassionato ed appassionante e mi sento di definirlo “la ciliegina sulla torta” di una serie originale, ben scritta assolutamente consigliata.

giovedì 11 novembre 2010

LA SERIE BRIDGERTON- la recensione

Di Julia Quinn pubblicata nella collana “I Romanzi mondadori”

Composta da:

*The Duke and I (Il Duca ed Io) (2000)
*The Viscount Who Loved Me (Il visconte che mi amava) (2000)
*An Offer from a Gentleman (La Proposta di un Gentiluomo) (2001)
*Romancing Mr. Bridgerton (Un uomo da conquistare) (2002)
*To Sir Phillip, With Love (A Sir Philip, con amore) (2003)
*When He Was Wicked (Amare un libertino) (2004)
*It's in His Kiss (Tutto in un bacio) (2005)
*On the Way to the Wedding (Il vero amore esiste) (2006)


RECENSIONE:

Li ho letti tutti di seguito ad una velocità da record... che dire... 10 e lode!!
Quando ho terminato il primo, ho pensato che mi era piaciuto così tanto da non poter immaginare  nessun altro della serie essere al suo livello... invece non è stato così, e ne sono molto soddisfatta.
Ogni libro è originale, ricco di spunti che continuano la storia della famiglia, rafforzandola, donando ad ogni componente la propria originalità, pur mantenendo continuità e coerenza d’insieme. La scrittrice ha dimostrato la rara abilità di scrivere in modo ironico, talvolta esilarante, di argomenti tutt’altro che leggeri, rendendo la lettura di questa serie sostanziosa, ma allo stesso tempo, divertente e scorrevole. Si è rivelata assolutamente poliedrica e completa nel saper affrontare argomenti come la vedovanza , i figliastri, l’illeggittimità  in un’epoca ipocrita e schizzinosa, le paure bloccanti , seppur ingiustificate, le fobie e i  traumi infantili, rendendo ogni libro unico ed ogni personaggio indimenticabile
Il libro che mi è piaciuto di più è stato Un uomo da conquistare , molto Bridget jones o "bruttina stagionata " alla riscossa! Ho adorato Penelope che timida ed introversa in tutti i precedenti libri, rivela qui una personalità assolutamente da urlo e si acchiappa il più appetibile dei fratelli (o almeno l'uomo che da sempre le ha fatto battere il cuore...): favoloso.
Protagonista maschile preferito: Colin, ma devo dire che mai come stavolta sono imbarazzatissima nella scelta, ho adorato Simon , Anthony, Michaels, Garreth , Philliph, Gregory... un po' meno Benedict (che però ha un bel nome..) la media rimane quindi altissima.
Libro che mi è piaciuto meno : La proposta di un gentiluomo (che ha appunto Benedict come protagonista), che pur essendo un  libro ben scritto, non coinvolge nè appassiona: è la versione riveduta e corretta (neppure troppo) di Cenerentola.
Inoltre la protagonista femminile , Sophie, è surclassata dalle altre “parenti” in testa la capostipite Violet: un  vero ciclone. Stiamo parlando di un libro comunque dal livello buono, che va letto per la completezza (almeno temporale ) della serie.

Protagonista femminile preferita...
qui ho un blocco: ognuna è meravigliosa (tranne Sophie, naturalmente) intelligente sagace e salace... mitiche!! Sono un punto forte di ogni romanzo e non solo il complemento alle storie d’amore.
E meraviglioso il pensiero di Anthony quando constata di essere privilegiato custode della celata, meravigliosa bellezza della moglie, come se questo la rendesse più sua. Di solito, in questi libri ( in verità , conformemente con il pensiero fortemente maschilista dell’epoca) agli uomini piace la “donna trofeo”, che , comunque fosse prima di incontrarli, dopo diventa una fulgida stella amata ed ammirata da tutti. Non che Kate non lo sia, ma diciamo che Anthony è l’unico a vederla così, attraverso gli occhi dell’amore: la  moglie non è vanto e sinonimo di virilità, ciò che pone il “cacciatore”  al di sopra degli altri perché è riuscito a  conquistare quella che tutti avrebbero voluto per sé… anzi!! Lui si sente uomo accanto a lei perché solo lei sa dargli ciò di cui ha bisogno e capirlo nel profondo senza giudicarlo… finalmente un personaggio assolutamente edificante per il sesso femminile!

Ribadisco , quindi, di averli amati tutti moltissimo ,anche se devo dire che l'autrice ha un

debole quasi morboso per gli eroi tormentati, ma visto il risultato la perdono.... che ne dite?

Una serie impedibile, ironica, leggera, scorrevole, ma ricca di contenuti costruttivi.

martedì 9 novembre 2010


LA SERIE BRIDGERTON- le trame

Di Julia Quinn pubblicata nella collana “I Romanzi mondadori”

Composta da:

*The Duke and I (Il Duca ed Io) (2000)
Implacabilmente perseguitato dalle madri della buona società indaffarate a combinare matrimoni per la loro prole, Simon Bassett, il bel duca di Hastings, è stanco di essere cacciato. E altrettanto stanca è anche Daphne Bridgerton, la cui madre è assolutamente decisa a trovare alla figlia il marito perfetto. Né Simon né Daphne sono felici di questa sgradevole situazione, ed entrambi darebbero qualunque cosa per un po' di pace e di tranquillità. Il loro desiderio di prendersi una tregua dal mercato matrimoniale del ton li porta a fingere di fidanzarsi - ma il loro piano è minacciato dal sospettoso fratello maggiore di Daphne, che guarda caso sa molto bene quanto Simon ci sappia fare con le donne. I due non hanno però previsto che l'attrazione reciproca li porterà proprio a quello che avevano deciso di evitare - e cioè al matrimonio. Ma Simon teme che il suo doloroso passato possa impedirgli di riuscire ad amare davvero. E Daphne, benché lo ami profondamente, è decisa a non accettare niente di meno del suo cuore...

*The Viscount Who Loved Me (Il visconte che mi amava) (2000)
Mai rinunciare all'amore
Kate Sheffield, ormai ventenne, è decisa a trovare un buon marito almeno per sua sorella minore Edwina. A farsi avanti è il visconte Anthony     Bridgerton, ma Kate si oppone: non è il tipo di uomo che stava cercando. Stranamente ansioso di assicurare un erede al proprio titolo, Anthony sembra nascondere più di un segreto. Ma il destino, maestro di giochi, farà incontrare le anime di Kate e Anthony in modo del tutto inaspettato...

*An Offer from a Gentleman (La Proposta di un Gentiluomo) (2001)
Sophie Beckett non avrebbe mai immaginato che dopo la morte del padre la sua vita sarebbe cambiata così tanto. Lei, figlia di un conte, costretta a far da cameriera alla matrigna e alle due sorellastre. Ma una sera, durante un ballo, conosce l'ammirato e ricco Benedict Bridgerton, ed è amore a prima vista. Ma come Cenerentola, di cui condivide lo sciagurato destino, allo scoccare della mezzanotte Sophie deve lasciare la festa, abbandonando il suo corteggiatore e... un guanto, l'unico indizio che Benedict ha per ritrovare la sua misteriosa dama.

*Romancing Mr. Bridgerton (Un uomo da conquistare) (2002)
È l’uomo più affascinante di Londra. E sarà suo…
Penelope Featherington è segretemente innamorata di Colin Bridgerton, il fratello della sua migliore amica. Da anni lo osserva da lontano ma all’improvviso si rende conto di non conoscerlo affatto. Lo stesso Colin, rientrando da un viaggio all’estero, scopre che molte cose sono cambiate. Soprattutto Penelope: ora non riesce a smettere di pensare a lei. È davvero la donna che potrà renderlo felice?

*To Sir Phillip, With Love (A Sir Philip, con amore) (2003)
Potrà conquistare davvero il cuore di quell’uomo?
Di famiglia aristocratica, Eloise Bridgerton ha ormai ventotto anni compiuti ed è ancora senza marito. A spezzare il grigiore delle sue giornate arrivano le lettere di sir Phillip Crane, un botanico rimasto vedovo con due gemelli da crescere. Dopo un anno di corrispondenza lui le chiede di sposarlo, ma quando finalmente si incontrano, Eloise scopre che Phillip, più che una compagna, cerca una madre per i suoi figli. Riuscirà il suo amore a fare breccia nel cuore apparentemente insensibile di Phillip?


*When He Was Wicked (Amare un libertino) (2004)
Tutto era molto più semplice quando lui era un peccatore
Quando Michael Stirling, il più audace libertino di Londra, incontra Francesca Bridgerton è amore a prima vista. Un amore non ricambiato: Francesca sta per sposare suo cugino John. E anche se un evento improvviso libera Francesca da qualunque vincolo, Michael non osa confessarle il proprio amore e per dimenticarla parte per l’India. Ma al suo rientro, inaspettatamente, Francesca gli chiede consiglio per trovare un buon marito: potrà Michael sopportare di gettarla tra le braccia di un altro?

*It's in His Kiss (Tutto in un bacio) (2005)
Alla ricerca di risposte che solo il cuore può dare.
Gareth St. Clair scopre che il suo passato, e forse anche il suo futuro, è nascosto negli eleganti caratteri di un antico diario, scritto però in una lingua che lui non comprende: l'italiano. Per Hyacinth Bridgerton, esperta traduttrice, è una sfida davvero intrigante. Ma quando insieme a Gareth si immerge in quelle pagine scopre che le risposte che entrambi cercano non sono lì. E niente è più semplice, o complicato, di un bacio.
*On the Way to the Wedding (Il vero amore esiste) (2006)
Alleati nell'inganno, travolti nel sentimento
Gregory Bridgerton crede nel vero amore. Ma quando incontra Hermione Watson, la donna dei suoi sogni, scopre che lei ama un altro. Comunque deciso a conquistarla, Greg ha un asso nella manica: lady Lucinda Abernathy, la più cara amica della fanciulla, si offre di aiutarlo. Ma ciò che Lucy, fidanzata dall'età di dieci anni con il futuro conte di Davenport, non ha previsto è di innamorarsi perdutamente proprio del pretendente dell'amica

venerdì 5 novembre 2010

IL BACIO PERDUTO

Di Lara Adrian
Serie  “La stirpe di mezzanotte III/ Midnight Breed”
Leggereditore  ottobre 2010
 TRAMA:
La bellissima Elise Chase si aggira senza tregua per le strade di Boston. Armata di un'antica daga e spinta da un violento desiderio di vendetta, sa ciò che vuole e non si fermerà finchè non lo avrà ottenuto. Dà la caccia a colo che le hanno strappato l'amore più grande della sua vita: il figlio. Finora ha utilizzato incredibili poteri psichici, ma adesso è giunto il momento di imparare a controllarli, perchè la stanno lentamente uccidendo. La sua ultima speranza è rappresentata dall'incontro con l'affascinante e tenebroso Tegan il vampiro...
Presto fra i due nascerà un'insolita alleanza, un legame che andrà ben oltre il mero interesse personale, e che esploderà in un'orda incontenibile di desiderio. Perchè persino un cuore di ghiaccio, che per secoli ha resistito a qualunque tentazione, può vacillare di fronte alla passione.

MIO VOTO: 5 STELLE

MIA RECENSIONE :

Ed eccomi al terzo capitolo di quest’appassionante serie.

Non mi aspettavo molto: i personaggi, com’erano stati presentati precedentemente , non mi sembravano granchè, specialmente lei, ma non c’è che dire, l’autrice li ha resi profondi ed interessanti.

E’ doveroso precisare che la serie è composta da libri auto-conclusivi , per quanto riguarda la storia tra i due protagonisti, ma sono da leggere tutti ed in ordine, perché il disegno è più ampio, e la lotta tra il buoni e i cattivi si presenta nel primo libro e prosegue (con grandi evoluzioni) nei successivi, i personaggi via via protagonisti, sono presentati già nel libri precedenti, quindi, letti uno per uno, non hanno molto senso.

Ma veniamo a noi.

Come già detto, I protagonisti non si presentavano bene nei libri precedenti, almeno dal mio punto di vista.
Tegan appariva come un maschio sfuggente, privo di sentimenti, guerriero senza pietà, oscuro e solitario, al limite dell’insofferenza alla presenza di altre persone.
Elise era una vedova aristocratica, mai uscita dai rifugi oscuri, vissuta sempre all’ombra del marito e, dopo la sua morte, in funzione del figlio, ma sempre usufruendo di potere, protezione  e ricchezza data dalla posizione politica di primo piano del defunto marito


In questo libro l’autrice riesce a donare una dimensione poliedrica ad entrambi e a rendere credibile la loro affinità , cosa per me impensabile, almeno inizialmente.

Si comprende, così,  che Tegan ha innalzato  una corazza per “proteggersi “ dai sentimenti. La sua precedente Compagna, dolce ed ingenua,  è stata violentata, torturata, svuotata, resa schiava ed uccisa, e lui non ha potuto fare niente per salvarla, rischiando anzi, di cadere nella “Brama di Sangue”, debolezza a cui sono molto esposti i Gen Uno come lui. Dentro, però,  ha un mondo fatto di onore, onestà e sentimenti profondi, che lui è così abituato a tenere disperatamente sotto controllo, da essersene quasi scordato. E’ un eroe  arrogante, fortissimo, ma profondo, tenero, capace di gentilezza e comprensione empatica, capacità rafforzata dal dono di poter vivere le altrui emozioni attraverso il tatto. Cederà all’amore verso Elise gradualmente , ma inesorabilmente, compiendo un percorso commovente e delicatissimo, non vergognandosi affatto, infine, di dimostrare a tutti il suo cambiamento. Me lo aspettavo freddo, egoista e spietato ,invece mi ha conquistata con la sua assoluta mancanza di spacconeria, nonostante la sua forza e competenza sul campo, e per la sua tenerezza nell’aprirsi ad Elise.

Elise, me l’aspettavo debole ed apatica, invece è un’eroina forte e determinata, da subito. E’ elegante , ma non se la tira,non ha alcuna mania di superiorità, è traumatizzata dalla perdita del figlio, ma non si ferma a cullarsi nel dolore, cercando anzi, di reagire come meglio si può (anche se in modo un po’ suicida…)
 Ed incontrando Tegan ,riconosce la sua  metà, supera le sue debolezze, tira fuori il carattere, e, naturalmente,  fa di tutto per conquistarlo. La metafora giusta per definirla è “il pugno di ferro dentro il guanto di velluto”, infatti è gentile educata e formale , ma è ferma e decisa,testarda e volitiva,  e sempre equilibrata. 
E non esita a rivedere il proprio giudizio sui guerrieri, radicato in lei in quanto “civile”, e a non vergognarsi affatto del suo rapporto con Tegan.

La passione tra i due è immediata, magnetica e prorompente: mi sono emozionata tantissimo nel seguire il nascere di questo amore, un colpo di fulmine, che ha creato un sentimento magico, che  si è approfondito e rinforzato  con l’apporto di entrambi.
Questo è l’incontro di due solitudini ferite, che insieme si completano, ma anche il romanzo delle seconde chance, dove si dimostra la tesi che nella vita si può essere felici anche più volte, bisogna crederci ed impegnarsi perché avvenga!

Ho apprezzato molto, in questo libro,  la loro voglia di ricominciare  a vivere, senza dimenticare il passato, o rinnegare il loro amore perduto, non facendo confronti con i precedenti compagni o, peggio,  dimenticandoli, ma accettandoli come parte del loro passato e quindi contributo fondamentale a ciò che sono diventati. E la parte migliore è che, entrambi , non provano gelosia per i compagni defunti dell’altro.
E’ sempre molto difficile e spinoso, per uno scrittore,  affrontare il tema della vedovanza quando si intessono nuove storie d’amore ,, l’autrice, qui, ha fatto proprio un buon lavoro, pur inserendolo in ottica paranormale perfettamente credibile. 

Il tutto è condito da un’azione incalzante, colpi di scena e cambiamenti d’ambiente continui, una costruzione dei personaggi secondari ricca e coerente nella visione d’insieme della serie. Insomma sono sempre più invogliata a seguire l’evoluzione di questa guerra e non vedo l’ora di scoprire come proseguirà.


In conclusione un romanzo ricco, avvincente, avventuroso ed interessante sia per quanto riguarda la parte vampirica /paranormale sia per l’approfondimento del rapporto amoroso, caldo, sensuale , ma soprattutto coinvolgente. Promosso a pieni voti.

mercoledì 3 novembre 2010

CUORE A CUORE

Di Lisa Kleypas
Euroclub 2002

TRAMA:
Strappata agli agi e allo sfarzo di un’esistenza privilegiata, la bellissima nobildonna Anastasia Kaptereva langue in carcere, in attesa di essere giustiziata per il barbaro assassino del suo promesso sposo. Del fattaccio non ricorda null’altro che orrore e sgomento, e ogni speranza sembra ormai perduta, quando un astuto parente riesce a organizzarle una rocambolesca fuga lontano dalla terra degli zar… Nella sua grande residenza inglese, la tredicenne Emma è proprio contenta: l’adorato e aitante padre, lord Luke Stokehurst, ha assunto per lei una giovane e affascinante istitutrice, Tasia, forse la donna più gradevole che abbia mai incontrato da che la madre è morta, lasciandola orfana ancora in fasce. E non ha importanza se lo scontroso lord Stokehurst ha accolto di malagrazia quella nuova dipendente dal passato misterioso; Emma è sveglia abbastanza da capire che modi tanto raffinati e un’eleganza così squisita non sono bagaglio comune di una semplice istitutrice… E in verità non dovrà attendere molto a lungo per avere conferma delle sue intuizioni: la serena e dimessa esistenza condotta da Tasia verrà squassata dall’improvviso e violento irrompere del passato. Braccata da un acerrimo nemico, la giovane sarà ricondotta in Russia, a fronteggiare i tragici eventi del suo passato, rischiando di nuovo la vita. Ma stavolta al suo fianco, coraggioso e innamorato, ci sarà un nuovo, prezioso alleato…


MIO VOTO: 4 STELLE

MIA RECENSIONE :

Il mio primo libro della Kleypas e , come posso dire senza urtare la sensibilità di alcuna… mi aspettavo di più.

Non mi ha emozionato, né coinvolto più di tanto: insomma la storia mi è scivolata un po’ addosso, non mi è entrata dentro .

Il protagonista è egoista, egocentrico, arrogante, autoritario e un po’ bastardello.  Bello, anche con il suo difetto fisico (che quasi gli conferisce l’aria letale da pirata), ma non si capisce mai se era veramente innamorato della prima moglie, se ami la sua amante ( a cui permette davvero troppo!!!!) e se ami Tasia, ma soprattutto perché!!!!
Manca di approfondimento psicologico, e l’innamoramento non è altro che un irresistibile impulso che non gli permette di tenere a posto le mani.  E poi dai, per anni lui non ha degnato di uno sguardo (serio ) altre donne e quando  arriva lei, ecco che gli stravolge la vita… ma perché?????????


La protagonista è un enigma da sciogliere. Già con la sua descrizione fisica, l’autrice mi ha completamente confusa: io non amo i gatti,(neppure li odio, sia chiaro!!!) ma questa mi sembra sfuggente e fredda come i peggiori felini sulla faccia della terra.
Con i suoi occhi trasparenti che non rivelano mai niente (altro che specchio dell’anima…),il suo fisico minuto che sembra rompersi da un momento all’altro, la sua stucchevole religiosità in contrapposizione con la superstizione che l’avvolge,  l’altruismo che dimostra solo quando più le fa comodo (non dimentichiamo che è una ricca aristocratica russa, posto dove, in quell’epoca, c’era ancora la servitù della gleba)  

E la differenza d’età tra i due!!!! Proprio non l’ho digerita…
 Lei è una bambina, non solo perché ha 18 anni, ma proprio perché è immatura, e chiaramente impreparata ad affrontare il mondo; lui è un uomo vero, vedovo, con una figlia, mille esperienze di vita vissuta, di 35 anni!!! Mi è sembrato un rapporto innaturale, e la scrittrice non è riuscita a farmi superare questo blocco…

Le figure più interessanti sono quelle secondarie :

-Emma, giovane figlia briosa del protagonista, intelligente, sagace, salace e “pepata”, che , a dispetto dei “problemi di nervi” diagnosticati da medici (incompetenti, ma forse è l’epoca), promette scintille con la crescita;

-Nikolas il cugino/ persecutore di Tasia che si rivelerà uomo leale, oltre che letale, forte misterioso e di grandissime potenzialità. E, mi pare, piuttosto bello e misterioso…

Visto che il seguito “il Principe dei sogni” avrà proprio questi due personaggi come protagonisti, non vedo  l’ora di leggerlo: si preannuncia uno scoppiettante amore…

Tirando le somme, il libro si è rivelato al di sotto delle mie aspettative.

 E’ sicuramente scorrevole, piacevole e “caldo” , si intravedono le potenzialità dell’autrice (ricordo, comunque,  che questo è uno dei suoi primi lavori), ma non posso certo dire che resterà stampato nel mio cuore. Ottima l’inquadratura storica, anche per quanto riguarda la Russia dell’epoca: l’europeismo forzato e sfarzoso dei Russi (voluto da uno zar che voleva essere più europeo degli stessi europei) in contrapposizione con l’ipocrisia dell’autoritario e razzista imperialismo britannico.

4 stelle piene: non è colpa di nessuno se avevo aspettative troppo alte, quindi, obiettivamente questo è il voto che merita.






venerdì 29 ottobre 2010



SIGNORA DEL SUO CUORE

Di Mary Balogh
I ROMANZI MONDADORI N 496 del 02/07/2001
Ristampa I ROMANZI ORO N 91 /ottobre 2010

TRAMA:
“Un’intrigante miscela di suspense e passione.”
Rendezvous

Lui è Jocelyn Dudley, l’arrogante duca di Tresham, un uomo duro, ricchissimo e spietato. Quando una ragazza provoca il suo ferimento durante un duello a Hyde Park, il duca la assolda come infermiera per dividere con lei le pene della convalescenza. Jane lo assiste con premura, lo asseconda, tollera i suoi modi bruschi e le cattive maniere perché, da poco disoccupata, ha un disperato bisogno di quella sistemazione. E intanto, inaspettatamente, il suo rapporto con il duca si evolve, Jane diventa sua confidente, sua intima confidente, ben al di là di quanto si sarebbe mai immaginata…
Note:
SIGNORA DEL SUO CUORE ( More Than a Mistress ) è il primo romanzo del duetto “Mistress”, così chiamato dai titoli dei romanzi che lo compongono.
Il secondo romanzo di questa miniserie, UN VERO DANDY ( No Man’s Mistress ), è già stato pubblicato nella collana I Romanzi – nr. 538.

Ambientazione:
Inghilterra, 1810 circa ( periodo regency )
Premi e riconoscimenti della critica:
All About Romance DIK ( Desert Isle Keeper ); Romance Reader Five Hearts

MIO VOTO: 5 STELLE CON LODE

MIA RECENSIONE :

Che dire di questo libro… è favoloso.
Mi è piaciuto moltissimo, appena l’ho terminato ho sentito un vuoto ed ho pensato che non avrei più potuto leggere nient’altro di così bello… naturalmente io non posso stare senza leggere e quindi mi sono semplicemente tuffata in un altro genere, ma vi assicuro, la mia vita è cambiata dopo questa lettura.

Ho aspettato tanto nel recensirlo, per una precisa ragione: non mi è chiaro il motivo per il quale non riesco a smettere di pensare che questo libro sia fantastico.

Ho cominciato, per chiarire questo mio dubbio, da persona fortemente razionale quale sono, ad elencarne i pregi:

*è scorrevole: ben scritto,  non troppo infiocchettato, né essenziale:
*è intrigante: la componente gialla non copre quella rosa, ma la arricchisce di una suspence che spinge la lettrice a proseguire;
*è coinvolgente: la storia d’amore è appassionante, passionale, ma non troppo “mielosa” o eccessivamente “hard”:
*a tratti, è ironico, senza scadere nel paradossale:
*i personaggi sono tratteggiati profondamente a livello psicologico: li si conosce piano piano,, con loro si ride, ci si commuove, si soffre e si ama:
La protagonista femminile è intelligente, pratica, nobile fuori e dentro: l’ho amata moltissimo ed ho compreso e condiviso ogni sua scelta.
Il protagonista maschile è tra i migliori che io abbia mai incontrato:affascinante, ma non bellissimo,  cinico, ma non tanto da indugiare nella crudeltà, disincantato, ma non da disprezzare tutto e tutti, riservato, ma generoso nel donare sé stesso a chi conta di più per lui, libertino, ma solo in apparenza, e, soprattutto, tanto ferito dalla vita, ma così forte da non cadere nell’autocommiserazione.
….


E terminata questa lista, mi sono trovata davanti la soluzione: è un libro equilibrato.
Nessuna componente prevale sull’altra, è poliedrico e denso, ma non pesante o farraginoso nella lettura, leggero, ma solo in apparenza, non frivolo.

Per questo motivo, e per una chimica speciale, un vero e proprio innamoramento che ho provato, e che, in quanto tale, non è analizzabile razionalmente, quindi  resta inspiegabile, raccomando questo libro a tutte le amanti del genere, quale  fulgido esempio di letteratura inglese rosa regency .

Un libro che è entrato di diritto tra i miei DIK,  che ricorderò per sempre, che rileggerò più volte, di cui assaporerò presto il seguito e di cui attendo con ansia la pubblicazione del prequel…
 e mi ripropongo , se non verrà tradotto, di leggerlo in inglese (emh… diciamo che , vista la mia mancanza assoluta di padronanza della lingua inglese, spero, prego, supplico chi di dovere di tradurlo….)


Una piccola curiosità il libro è stato pubblicato senza epilogo (per precisa scelta dell’editore inglese), sul sito dell’ autrice trovate questo capitolo. Non perdetelo